Singolare e plurale in spagnolo

Singolare e plurale in spagnolo

(singular y plural en español)

 

Spesso chi cerca di imitare maccheronicamente lo spagnolo aggiunge S a tutte le parole. In realtà la S alla fine di una parola è un suono molto comune nella lingua spagnola, ma ha un significato preciso: indica il più delle volte il plurale.

El hombre (l’uomo) – Los hombre-s (gli uomini).

El coche (la macchina) – Los choche-s (le macchine).

La cara (la faccia) – Las cara-s (le facce).

Non è difficile intuire che ottenere il plurale in spagnolo è più facile che in italiano. Ciononostante ci sono alcune regole che bisogna seguire.

Se la parola termina per vocale, semplicemente si aggiunge la S

Esempi: CasaCasas (casa/e). AlmohadaAlmohadas (cuscino/i). ViejoViejos (vecchio/i).

Se la parola termina per consonante si aggiunge ES

Esempio: SalSales (sale/i). SalónSalones (salone/i). PanPanes (pane/i)

Se la parola finisce per Z e X si toglie la consonante e si aggiunge CES

Esempi: Felizfelices (felice/i). PezPeces (pesce/i). JuezJueces (giudice/i).

A queste tre regole che si applicano normalmente bisogna tener presente anche:

Per tutte le parole che finiscono per una vocale che porta accento (eccetto quelle che finiscono per E), il plurale si forma aggiungendo ES. Fanno eccezione papá, mamá e sofá.

Tutte le parole che finiscono per S, come Mes (mese) o Portugués (portoghese), Dios(Dio) anche se hanno la S finale non sono plurali. Il plurale in questi casi si ottiene come per tutte le parole che finiscono per consonante; aggiungendo ES. (Meses, portugueses, Dioses).

Ci sono poi, come in italiano, gruppi di parole che possiedono solo il plurale. Le più comuni sono: Gafas (occhiali); Víveres (viveri); Esposas (manette); Honorarios (onorari); Tenazas (tenaglie); Tijeras (forbici).

Puoi verificare il tuo livello d’apprendimento andando ai nostri esercizi di spagnolo on-line

Lascia un commento